Porchetta di Ariccia Online

Miglior Porchetta di Ariccia del 2022 – Guida all’acquisto, Classifica e Recensioni

Porchetta di Ariccia Online

La porchetta di Ariccia è un prodotto alimentare a base di carne suina arrostita e realizzato nell’intero territorio dell’omonimo comune sito in provincia di Roma.

Si presenta con un arrosto legato con spago e arrotolato e può essere provvisto oppure no della testa dell’animale.

La cotenna esterna è invece succulenta e croccante, ma tende ad ammorbidirsi e perdere gradevolezza durante la conservazione; per tale ragione si consiglia di consumarla appena acquistata.

Una volta tagliata, la carne ha una consistenza tenera, naturalmente grassa e del tutto cotta.

La colorazione è rosata, stratificata e con screziature più scure date dalla presenza del condimento a base di pepe nero, sale, aglio e rosmarino, che conferiscono un sapore deciso, ma allo stesso tempo raffinato.

Tabella comparativa

1° Classificato

Pregi

Carne dalla qualità insuperabile; cotenna croccante; salume perfetto da tagliare sia con il coltello, sia con l’affettatrice.

Difetti

Alcuni consumatori ritengono che questa porchetta sia facilmente soggetta a deperimento, soprattutto durante i mesi più caldi dell’anno.


2° Classificato

Pregi

Gusto succulento; ottimo rapporto qualità/prezzo; prodotto privo di glutine e dunque adatto anche ai soggetti celiaci; salume spedito all’interno di una confezione sottovuoto e di una borsa termica contenente del ghiaccio in gel, in modo da assicurare il massimo della freschezza al consumatore.

Difetti

Per questo salume, visto che ha ampiamente soddisfatto le aspettative degli acquirenti, non è stato scritto alcun lato negativo.


3° Classificato

Pregi

Essendo il prodotto già affettato, non è necessario utilizzare un coltello oppure un’affetatrice; prodotto facile da trasportare e da servire; profumo irresistibile.

Difetti

Il prodotto contiene solfiti.


Guida all’acquisto – Come scegliere la miglior Porchetta di Ariccia

Prima di scegliere una porchetta di Ariccia, si raccomanda di prestare attenzione ai seguenti tre criteri.

1. Metodologia di produzione

Al fine di ottenere un prodotto di alta qualità, la produzione deve contemplare alcuni passaggi fondamentali, a partire dalla selezioni delle carni e dalla relativa lavorazione all’interno di laboratori ad hoc.

Una delle più significative è senza ombra di dubbio la disossatura, la quale avviene direttamente all’interno del suino appena macellato.

Quando quest’ultima è terminata, giunge il turno della speziatura con ingredienti freschi più la legatura, che persegue l’obiettivo di mantenere la carne compatta; solo così non si espanderà durante il taglio.

2. Consistenza

Questo salume deve avere la cotenna con consistenza croccante, data da una cottura lenta.

Essa conferisce inoltre una colorazione bianca e rosa alla carne.

La cottura avviene dentro appositi forni dotati di vasche di contenimento volte a raccogliere tutto il grasso che si va a sciogliere durante il procedimento.

3. Presenza del marchio IGP

La denominazione IGP fa riferimento al prodotto ottenuto tramite lavorazione del maiale intero oppure solo del tronchetto, ovvero la sua parte centrale, la quale viene sottoposta a cottura e condita con spezie e aromi.

Inoltre l’Indicazione Geografica Protetta è stata attribuita al suddetto alimento dall’Unione Europea per tutelarne la tipicità.

Le Migliori Porchette di Ariccia – Classifica del 2022

Vediamo insieme la classifica completa e le recensioni delle migliori porchette di Ariccia che abbiamo testato.

1° – Porchetta di Ariccia IGP

Tronchetto di porchetta di Ariccia del peso pari a quattro chili prodotto dal salumificio Leoni Randolfo, fondato nel 1940.

Descrizione prodotto

Si tratta di un salume interamente lavorato a mano e a base di ingredienti naturali.

Il prodotto viene inoltre venduto in confezione sottovuoto, la quale assicura una durata massima di 75 giorni.

La sua realizzazione prevede l’esclusivo utilizzo di carne di scrofa cotta al forno e aromatizzata con pepe nero, sale marino e aglio.

Le razze delle suine sono Large White, Landrace e Pietrain.

Al fine di preservare tutte le caratteristiche del prodotto, conservare in un luogo lontano da polvere, calore e luce.

Una volta aperta la confezione, porre in frigo e consumare entro quindici giorni

Principali vantaggi
  • Carne dalla qualità insuperabile;
  • cotenna croccante;
  • salume perfetto da tagliare sia con il coltello, sia con l’affettatrice.
Principali svantaggi
  • Alcuni consumatori ritengono che questa porchetta sia facilmente soggetta a deperimento, soprattutto durante i mesi più caldi dell’anno.

2° – Tronchetto di Porchetta di Ariccia di Norcineria Mancini

Tronchetto di quattro chili di porchetta di Ariccia contrassegnata dal marchio IGP e premiata dal Gambero Rosso.

L’azienda produttrice è sita nel cuore dei Castelli Romani.

Descrizione prodotto

Porchetta di Ariccia prodotta solo con carne suina nazionale, pepe nero, aglio, sale e rosmarino.
Per consumarla al meglio, si consiglia di eseguire i seguenti passaggi:

  • aprire la confezione e far riposare per dieci minuti a temperatura ambiente;
  • accendere il forno alla temperatura massima;
  • affettare la porchetta e disporre le fette su una teglia rivestita con carta forno;
  • far cuocere per cinque minuti e servire a piacere.
Principali vantaggi
  • Gusto succulento;
  • ottimo rapporto qualità/prezzo;
  • prodotto privo di glutine e dunque adatto anche ai soggetti celiaci;
  • salume spedito all’interno di una confezione sottovuoto e di una borsa termica contenente del ghiaccio in gel, in modo da assicurare il massimo della freschezza al consumatore.
Principali svantaggi
  • Per questo salume, visto che ha ampiamente soddisfatto le aspettative degli acquirenti, non è stato scritto alcun lato negativo.

3° – Porchetta Tronchetto

Confezione contenente un chilo di porchetta a fette prodotta con metodo artigianale e tradizionale dal salumificio laziale Cironi, la cui sede si trova a Frosinone.

Descrizione prodotto

Salume prodotto con la parte centrale del suino, la quale viene successivamente disossata e condita con spezie, finocchio, bacche di ginepro, salvia, coriandolo, peperoncino, vino bianco, rosmarino, aglio e sale.

Al fine di conferire un sapore più intenso, la carne viene lasciata marinare per molte ore.

Terminata la suddetta fase, si procede alla cottura pari a quattro-cinque ore.

Il fiore all’occhiello di questa porchetta è sicuramente la croccante crosta.

Principali vantaggi
  • Essendo il prodotto già affettato, non è necessario utilizzare un coltello oppure un’affetatrice;
  • prodotto facile da trasportare e da servire;
  • profumo irresistibile.
Principali svantaggi
  • Il prodotto contiene solfiti.

4° – Porchetta Leoni Randolfo

Tronchetto da otto chili e mezzo di porchetta di Ariccia, prodotta dal salumificio Leoni Randolfo. Porchetta prodotta secondo le norme disciplinari IGP e seguendo l’antica ricetta dell’azienda.

Descrizione prodotto

Per la sua realizzazione vengono impiegate solo le carni dei maiali di sesso femminile facenti parte delle razze Pietrain, Landrace, Large White oppure ibridi conformi alle classi U, E e S.

Parlando invece delle parti, si utilizzano solo quelle centrali, ovvero la pancetta e il lombo, le quali vengono condite con pepe nero, aglio, rosmarino e sale marino.

Una volta aperta la confezione, conservare l’alimento lontano da polvere, fonti di calore e luce diretta.
Porre in frigo e consumare entro quindici giorni.

Principali vantaggi
  • La confezione chiusa dura per ben sessanta giorni;
  • salume pregiato;
  • prodotto privo di allergeni e glutine.
Principali svantaggi
  • Per questa porchetta non sono stati segnalati svantaggi.

5° – Porchetta trancio

Trancio di tre chili di porchetta prodotta dall’azienda laziale Valle Santa.

Descrizione prodotto

Porchetta prodotta solo con ingredienti di origine naturale, ovvero coriandolo, salvia, rosmarino, aglio, finocchio, sale marino e carne di suino.

Prodotto privo di conservanti, glutine, proteine del latte e lattosio.

Principali vantaggi
  • prezzo decisamente conveniente;
  • sebbene non sia l’originale porchetta di Ariccia, la carne è molto gustosa;
  • cotenna croccante.
Principali svantaggi
  • Non si tratta dell’originale porchetta di Ariccia.

Porchetta di Ariccia: risposte alle domande più comuni

In quest’ultima parte della guida all’acquisto sulla porchetta d’Ariccia verranno fornite al lettore le risposte alle domande più ricorrenti, in modo da ampliare il suo bagaglio di conoscenza.

Quante calorie ha la Porchetta di Ariccia?

Cento grammi di porchetta di Ariccia contiene 314 calorie.

Quali sono i valori nutrizionali?

Cento grammi di porchetta di Ariccia hanno un apporto calorico pari a 314 calorie, di cui:

  • grassi: 23,6 grammi di cui 9,4 grammi saturi;
  • 0,3 grammi di carboidrati, di cui altrettanta quantità di zuccheri;
  • 25,10 grammi di proteine;
  • 1,32 grammi di sale.

Con cosa mangiare la Porchetta di Ariccia?

La porchetta di Ariccia, oltre che come farcitura di panini, è perfetta da mangiare insieme alle verdure grigliate come zucchine, peperoni e melanzane.

È altrettanto squisita con la cicoria fatta saltare in padella con aglio e olio oppure con le patate al forno.

Le donne in gravidanza possono mangiare la porchetta di Ariccia?

Assolutamente si, in quanto trattasi di un alimento sottoposto a cottura.

Data l’elevata presenza di grassi, è però bene limitare la dose.

© 2022 Valtiberinafoodguide.it